20 luglio 2007

Il viaggio della vita (opera di Thomas Cole). Brano tratto dall'ultimo libro di Peter Cameron.



Vi riporto un brano tratto dall'ultimo libro di Peter Cameron "Un giorno questo dolore ti sarà utile". Nel brano l'autore descrive maniacalmente un'opera d'arte composta da quattro quadri, Il viaggio della vita, di Thomas Cole, esposta alla National Gallery di Washington.

Ecco il brano:

"Poi sono entrato in una saletta in cui c'erano solo quattro quadri, e mi sono ricordato di averli già visti quando ero stato in gita scolastica con la terza media. Sono dei quadri molto leziosi, un po' stupidi. Rappresentano le quattro età dell'uomo: infanzia, giovinezza, virilità e vecchiaia. In ogni quadro c'è una figura su una barca che naviga su un fiume, guidata da un angelo. Nel primo, Infanzia, c'è un bambino piccolo e la barca spunta da una caverna buia, il grembo materno. E' mattino presto e il fiume scorre calmo attraverso una valle idilliaca piena di fiori. L'angelo è sulla barca, in piedi dietro al bambino, e hanno tutti e due le braccia tese verso il mondo a cui vanno incontro. In Giovinezza è mezzogiorno e la barca si è addentrata nella bella valle. Il bambino si è trasformato in un ragazzo e sta in piedi, le braccia tese verso il futuro. L'angelo è sulla riva e gli indica la strada come un vigile. Le nuvole hanno la forma di un castello fantastico, circondato dal cielo azzurro. In Virilità le acque del fiume sono furiose, il paesaggio è arido, tutto rocce; il cielo al tramonto è pieno di nuvole temporalesche. Il ragazzo è diventato un uomo, sempre in piedi sulla barca, ma prega a mani giunte mentre la barca punta verso le rapide. L'angelo è lontano, da un'apertura fra le nuvole guarda la barca che corre in avanti. Fa venire i brividi. Nell'utlimo quadro, Vecchiaia, la barca entra dal lato opposto della tela. E' difficile dire che ora sia perchè il cielo è tutto scuro, c'è solo un fascio di raggi di luce che filtra tra i nuvoloni. E' un'ora indistinta fuori dal tempo. Il fiume sta per sfociare calmo in un enorme mare scuro. Nella barca è seduto un vecchio e l'angelo vola proprio sopra di lui, indicando il mare e il cielo bui. In lontananza c'è un altro angelo che guarda giù dalle nuvole. Le mani del vecchio sono sempre giunte, ma non si riesce a capire se sta pregando o se sta implorando l'angelo di salvarlo prima che prenda il largo in quella paurosa oscurità".

Qui trovate il sito di Peter Cameron.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho scoperto quest'opera ieri, proprio leggendo Cameron

Anonimo ha detto...

anche io, leggendo questo bellissimo libro, ho scoperto questo quadro....bello..malinconico ma bello..

Enrico Maria Porro ha detto...

Grazie a tutti e due. ciao.

Anonimo ha detto...

sto leggendo il libro di Cameron, mi piace moltissimo, per curiosità ho cercato questi quadri e mi hanno molto colpito anche se non appartengono allo stile che amo maggiormente e che mi emoziona.

Enrico Maria Porro ha detto...

chi legge il libro di cameron si innamora di quei quadri e inevitabilmente finisce qui sul mio blog.

grazie a tutti. w cameron.

fabio ha detto...

è assolutamente naturale, leggedo un libro così non rimanere incuriositi da ciò che scrive, ma soprattutto da ciò che dice...

Ayachan707 ha detto...

Sto appunto leggendo il libro di Cameron e son capitata qua. XD Non conoscevo le opere di Cole. Molto belle. ^_^

Enrico Maria Porro ha detto...

Ciao Ayachan, benvenuto/a sul mio blog. E buona lettura.