12 marzo 2008

Uno su due: un piccolo capolavoro. Alzi la mano chi lo conosceva.



Ieri ho visto un film che non conoscevo. Però ci recitava Fabio Volo e così l'ho noleggiato. Una bella sorpresa, non solo per la bella interpretazione di Fabio, ma per tutto il resto: la storia, le emozioni che racconta, il dramma di chi scopre di avere un cancro e poi Ninetto Davoli, in una parte lontana da come ce lo ricordiamo.

Di questo film non se ne è parlato molto. Meglio così. Sono proprio i film nell'ombra che alla fine splendono di più.

Ve lo consiglio.

4 commenti:

sasà tomasello ha detto...

Che dire... Alzi la mano chi "non" lo conosce.
Fabietto, lo seguo praticamente da sempre. Lo stimo molto, al punto tale da aver visto tutti i suoi file e letto tutti i suoi libri.
SU TUTTI... consiglio di vedere "La Febbre".
Inoltre, seguitelo tutte le mattine dalle 9.00 su radio DJ... personalmente "MIGLIORA LA QUALITA' DELLA VITA".
Saluti.

Fabrizio Olati ha detto...

Anch'io l'ho visto e mi è piaciuto molto. Un film delicato, tenero, ma non banale.

Anonimo ha detto...

salve passo da qui per caso, infatto googolando nn so come ma sono capitato qui, e sono contento, complimneti x l'iniziativa e x ki lo vive; fabio volo secondo me e tra 1 3 O 4 ARTISTI, della nostra fascia d'età +vivo, confermo con sasà , mi sembra , cmq il 1 della lista che la febbre è il + bello!!!!!!!!!!!!!!

Fulvia ha detto...

io l'ho visto e mi è piaciuto moltissimo. Hai letto i libri di Volo? Non sono un capolavoro letterario ma li trovo rasserenanti.