13 marzo 2006

Corso Buenos Aires : una tranquilla mattinata di paura.




Back to the seventies. Quando si dice il destino. Sabato mattina eravamo tentati di andare a farci una gita sul lago Maggiore, ma Sofia ha insistito così tanto che voleva andare a Milano a sfogliare i libricini e poi ai giardinetti di via Palestro. E così siamo piombati in Corso Buenos Aires proprio nel bel mezzo della guerriglia urbana. Fortunatamente la parte più violenta doveva ancora venire e così siamo riusciti ad infilarci dentro alla Feltrinelli e ci siamo rimasti per un'ora abbondante. Nella prima foto vedete Sofia, ignara di tutto, che sfoglia i libricini mentre sopra di noi impazzava la guerriglia. La seconda foto l'ho scattata quando siamo riemersi in Corso Buenos Aires e ormai il corteo era scivolato verso Porta Venezia. Nella terza foto Sofia e Monica alle prese con gli hamburger di Burger King, proprio mentre altre mogli e altri figlie vivevano attimi di terrore nel Mc Donald's più avanti attaccato dai black blok incappucciati.

2 commenti:

alessio ha detto...

cavolo te la sei vista brutta..come dire -al momento sbagliato nel posto sbagliato-! meno male che sofia non ha capito nulla..cmq a proposito di milano sto per venire lì la settimana prossima, non è che sono previsti altri simpatici incontri?

CHICCO1963 ha detto...

vieni pure tranquillo, il peggio è passato.
e.